Voto all'estero:candidato,ci sono brogli

"Sono stato costretto a cambiare casa e se le minacce che ho subito non si sono concretizzate lo devo alle associazioni di italo-australiani, soprattutto pugliesi e siciliani, che mi hanno aiutato proteggendomi da chi approfitta di un sistema di voto farlocco per trarre vantaggio". Nicola Brienza, candidato al Senato nella ripartizione Asia, Africa, Oceania e Antartide,uno dei 4 collegi che compone la circoscrizione Estero, arricchisce così la testimonianza rilasciata a 'Striscia la Notizia' nella puntata del 9 marzo sui brogli elettorali nelle recenti elezioni Politiche. Brienza, barese, 44 anni, e residente a Shanghai dove lavora da 14 anni, ne ha parlato con l'ANSA "prima di lasciare Bari e andare a Roma in Procura, dove già almeno un esposto sui brogli australiani è stato presentato". "I voti in Australia, dove c'è il maggior numero di elettori, si comprano o si recuperano. Bastano 5 dollari - spiega - per un voto ed il sistema dà adito a possibilità di manipolazioni,qualcuno vota anche al posto di defunti".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Tarantini Time
  2. Quotidiano Italiano Bari
  3. Quotidiano Italiano Bari
  4. Tarantini Time
  5. La Siritide

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Noci

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...